La donna giusta

Un pomeriggio, in una elegante pasticceria di Budapest, una donna racconta a un’altra donna come un giorno, avendo trovato nel portafogli di suo marito un pezzetto di nastro viola, abbia capito che nella vita di lui c’era stata, e forse c’era ancora, una passione segreta e bruciante, e come da quel momento abbia cercato, invano, di riconquistarlo. Una notte, in un caffè della stessa città, bevendo vino e fumando una sigaretta dopo l’altra, l’uomo che è stato suo marito racconta a un altro uomo come abbia aspettato per anni una donna che era diventata per lui una ragione di vita e insieme “un veleno mortale”, e come, dopo aver lasciato per lei la prima moglie, l’abbia sposata – e poi inesorabilmente perduta.donnagiusta_ok

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.